Studio: Via G. Fiamma 15, 20129 Milano Tel : 02 6697907 Cell :347 2282733
Menu


Domanda allo psicoterapeuta:


Buonasera dottore
Vorrei porle due domande. Cosa prova il terapeuta quando saluta definitivamente un paziente che ha avuto in cura per anni? Ha un po' di dolore insieme alla gioia? Ci sono pazienti che le sono stati più cari e che non dimenticherà mai? Sto finendo la mia terapia e ho paura. Grazie

Risposta del Dott.Zambello: Nel libretto che ho scritto per parlare dei miei pazienti e di me in termini psicoanalitici, affermo, senza retorica che la ricchezza più grande che ho quotidianamente sono i miei pazienti.
Certo che mi porto dentro ognuno di loro. Direi che io sono grazie a loro. La psicoterapia è una relazione e ogni relazione forma, cambia.


Aggiunto: Ottobre 22, 2018
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address


Domanda allo psicoterapeuta:


Buongiorno dottore! Ho parlato piu volte con il mio compagno proponendogliterapia di coppia per migliorare la nostra comunicazone e la qualitadella nostra relazione. I buoni sentimenti ci sono( almeno da parte mia) e sarebbe bene provare. Ma mi dice che mon e' disponibile adaiuto esterno. Di andare io in terapia cercando di capire cosa non va in me che lo rende 'estraneo'a casa. Mio figlio si e'laureato coj il massimo dei voti e la menzione. La motivazione dell'encomio e' meravigliosa. Un veto trionfo. Tutto bellissimo ma lui naturalmente si e' eclissato. Non ha partecipato alla foto con i miei familiari. A casa abbiamo ospitato parenti ns. Di entrambe le parti. Suo figlio felicissimo e' rimasto con noi un paio di giorni....lui e' sparito. Non mi ha aiutato. Si e' rintanato in camera. Suo figlio mi ha invitato a non prendermela e agodermi la festa. La sua anziana zia coj cui vado d'accordo mi ha detto che si e' accorta che non era ' in forma'. Non ha neanche comunicato a suo fratello che sta fuori il lieto evento( tra l'altro ha un figlio appena piu grande e chiede di noi). Non ha voluto portare in uff. I confetti ( mi coboscono ma forse ignorano l'esistenza di mio figlio?!). Quando non e' al centro dell'attenzione va in crisi..come da copione ha cercato di avvelenarmi nel giorno piu importante per me cone mamma. Ma sono orgogliosa e felice e saro' come sempre al fianco di mo figlio anche per le scelte future. Gli ho riconosciuto il merito, dopo l'ultimo esame prima ancora del trionfo...di aver contribuito, giacche' siamo (per me) famiglia dall'anno della naturita'a questo successo tutto nostro di famiglia appunto. Si distacca, dice che bisogna correre ai ripari. Che sbaglio. Che dipende da me, che pretende di sentirsi a suo agio cob niu. Ma per colpa mia non puo' '...mi creda sono veramente stanca e se continua cosi non so come si potra' recuperare. Aldila della terapia che rifiuta..crede sia in nalafede? Vuole mollare famiglia ? Che ne pensa. Grazie davvero per la sua risposta. Grazie

Risposta del Dott.Zambello: Non lo so Signora cosa pensa e fa il suo compagno. Forse ha ragione lei: fa il bambino.
Se così fosse, dipende da lei quanto vuole fargli fare questo ruolo.


Aggiunto: Ottobre 22, 2018
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address


Domanda allo psicoterapeuta:


Gent.mo dottor Zambello,
grazie per la risposta alla mia precedente domanda.
Io idealizzo e mi perdo nel fantasticare di avere molti soldi e di essere ricco; però, non ho nessun “slancio pratico”. Una parte di me vorrebbe avere questi “slanci pratici” volti a guadagnare molto denaro; un’altra parte di me pensa che fare qualcosa per arricchirsi significhi perdere la propria fantasia, la propria creatività, la propria “bontà”, la propria “innocenza e purezza infantile”, la propria ironia, la voglia di scherzare e giocare, di perdere la propria autenticità, insomma.
Quando ero bambino, i miei genitori mi leggevano spesso la fiaba della Piccola Fiammiferaia; mia mamma e mio papà hanno sempre avuto una visione “cristiana” dei soldi: i poveri sono sicuramente persone più buone e meritevoli del Regno dei Cieli rispetto ai ricchi (considerati persone con poco cuore, poco buone). Temo che questa visione abbia contagiato anche me; ma io non la voglio (razionalmente la rifiuto, ma inconsciamente non lo so).
Non riesco a trovare un equilibrio tra queste due parti di me, non riesco a farle “andare d’accordo” (da sempre, predomina quella che “schifa” i soldi). Mi trovo in condizioni economiche non buone e, nonostante ciò, non riesco a fare nulla per uscirne (mi limito a fantasticare di essere ricco, in futuro).
Sarei pronto anche ad affrontare una psicoterapia per risolvere questo problema.
Mi scuso per la lunghezza.
Se può, mi dia un suo parere.
Grazie

Risposta del Dott.Zambello: Prima di prendere un appuntamento con uno psicoterapeuta, le conviene prima superare la sua accidia che si manta di ideali francescani. In realtà forse lei ha solo poca voglia di "sporcarsi le mani ". La smetta di sognare e faccia quello che deve fare. Tanto mi creda, non avrà mai da porsi problemi per i troppi soldi.


Aggiunto: Ottobre 21, 2018
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address


Domanda allo psicoterapeuta:


Mai e poi mai nulla servira’ a niente. Questo è ciò che è e non é possibile che non sia. Perché ostinarsi? Minutaglia, minutaglia, questo è ciò che la gente desidera. Ma, a questo punto, perché Loro non ascoltano una bella canzone pop? Scusi lo sfogo, ma lei ed io sappiamo che la vita è una lacrimevole trappola. Perché dibattersi in una tonnara senza scampo? Perché tutti questi danari? Perché questo soggiorno con la libreria, vuota e piena di antiche carte, editti, trattati, e stampe ai muri che, mute, non cessano però di parlarci? La parola è perduta per sempre: si abbia almeno la decenza di tacere.Tutti.

Risposta del Dott.Zambello: Il suo stesso lamento rivela un un desiderio, una speranza. Ed è così. Fino all'ultimo respiro l'uomo urla un grido di aiuto, speranza. Lei dice che è tutto inutile e non si accorge che nel momento stesso in cui lo dice fa un atto di fede.


Aggiunto: Ottobre 21, 2018
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address


Domanda allo psicoterapeuta:


Gentile dott. Zambello, ogni tanto leggo sul suo blog che consiglia, quando richiesto, una terapia psicodinamica. Credo di averne capito le motivazioni (che potrebbero essere riassunte "semplisticamente" nel pensiero: non si concentri sul sintomo ma cerchi di capirne le cause e modificare gli aspetti disfunzionali della sua personalità) ma, da ignorante, non sono mai riuscita a capire quali indirizzi di psicoterapia possano considerarsi tali. Ho solo capito che la cognitivo-comportamentale non lo è. Ma tutti gli altri? Sistemico relazionale, Gestalt, umanistica ecc... lo sono oppure no?

Risposta del Dott.Zambello: Lei ha ragione, sostanzialmente la psicoterapia si suddivide su due grandi categorie: psicodinamica e cognitivo-comportamentale. Queste due categorie sono in effetti antitetiche l'una a l'altra. Tutte le altre sono una sintesi o una copia delle due: la dinamica e il cognitivismo. Poi, non è vero fino in fondo, ad esempio, la teoria dell'attaccamento è un ponte tra le due.
Forse vi è un terzo tipo, la psicoterapia di Lowen. È un tipo di psicoterapia dove al centro vi è il corpo.
Detto questo, la psicoterapia è un rapporto tra due persone. Ciò che fa la differenza non è tanto la teoria ma la capacità dei due di stare assieme. La capacità del terapeuta di capire il paziente.


Aggiunto: Ottobre 21, 2018
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address


Domanda allo psicoterapeuta:


Mai e poi mai nulla servira’ a niente. Questo è ciò che è e non é possibile che non sia. Perché ostinarsi? Minutaglia, minutaglia, questo è ciò che la gente desidera. Ma, a questo punto, perché Loro non ascoltano una bella canzone pop? Scusi lo sfogo, ma lei ed io sappiamo che la vita è una lacrimevole trappola. Perché dibattersi in una tonnara senza scampo? Perché tutti questi danari? Perché questo soggiorno con la libreria, vuota e piena di antiche carte, editti, trattati, e stampe ai muri che, mute, non cessano però di parlarci? La parola è perduta per sempre: si abbia almeno la decenza di tacere.Tutti.

Risposta del Dott.Zambello: Amen.


Aggiunto: Ottobre 21, 2018
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address


Domanda allo psicoterapeuta:


Mi perdoni la domanda forse stupida...(non ne capisco nulla), uno psicoterapeuta con qualche “specializzazione” in particolare?

Risposta del Dott.Zambello: Mi verrebbe da rispondere: quello che la capisce.
Però, fatto salvo che la variabile più importante è l'empatia terapeuta-paziente, inizierei col cercare un terapeuta con una formazione psicodinamica.


Aggiunto: Ottobre 20, 2018
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address


Domanda allo psicoterapeuta:


Egr. dottore buonasera...vorrei tanto sapere se esiste una soluzione al mio problema ....gliela faccio molto breve: in pratica ogni 2 × 3 noto qualcosa di anomalo in mio figlio di quattro anni e vivo nell’angoscia che possa ammalarsi di qualche male incurabile prima o poi....ergo non mi vivo bene quelli che dovrebbero essere gli anni più belli da trascorrere in sua compagnia!
la mia domanda è questa: secondo lei ho bisogno di un aiuto ? ma soprattutto perché mi accade ciò?! ho una vita davvero bella con una bellissima famiglia sono appagata in tutto ...grazie mille

Risposta del Dott.Zambello: Gent.ma Signora,
penso proprio che lei farebbe bene a chiedere aiuto ad uno psicoterapeuta. Non lo so assolutamente cosa la disturba ma di sicuro lei deve cercare di vivere per se stessa e per il suo bambino, una vita tranquilla, più contenta possibile.


Aggiunto: Ottobre 20, 2018
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address


Domanda allo psicoterapeuta:


Buongiorno,
da cosa può dipendere un rapporto contraddittorio con il denaro?

Razionalmente vorrei molti soldi, ma, poi, nella pratica, faccio di tutto per non guadagnarne e una "vocina" interna mi dice che molto denaro renda aridi (però, ripeto, razionalmente vorrei avere denaro in abbondanza).
Mi sento "strattonato" da questo "conflitto".

Risposta del Dott.Zambello: Gent.mo Signor Edo,
io non credo che l'uomo possa volontariamente desiderare di non essere ricco, avere tanti soldi. Chi arriva a far questo è perché ne ha avuti tanti e si è accorto che non servono per sentirsi veramente ricco: se stesso. Però pensare che preventivamente uno non li vuole, è poco credibile.
Poi è vero che i soldi sono una porta aperta verso il vizio, la dipendenza.


Aggiunto: Ottobre 20, 2018
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address



Domanda allo psicoterapeuta:


Perché una madre sopravvive alla morte del figlio?

Risposta del Dott.Zambello: Mia nonna sopravisse alla morte di otto figli su nove. Fu lei a trasmettermi la riconoscenza e il piacere di vivere.


Aggiunto: Ottobre 11, 2018
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address
Powered by PHP Guestbook 1.7 from PHP Scripts
 
Numero di domande: 1833 Numero di pagine: 184 1 2 3 4 5 6 Successivo › Ultima »

Medico psicoterapeuta e psicoanalista

Viasualizza la cartinaDott. Renzo Zambello
Via G. Fiamma 15 20129 Milano
Tel.+39 02 6697907
Cell. +39 347 2282733

Per appuntamento contattare telefonicamente
o via email
zambello.renzo@gmail.com