Studio: Via G. Fiamma 15, 20129 Milano Tel : 02 6697907 Cell :347 2282733
Menu



Domanda allo psicoterapeuta:


Buongiorno Dott. Renzo, la ringrazio infinitamente per la risposta alla mia domanda precedente, davvero esaudiente. a questo punto mi sorge un'altra domanda legata alla sua risposta di prima: come essere costanti, perchè a me riesce davvero, davvero difficile esserla e penso che "la costanza" sia alla base di tutto per un proprio miglioramento. Grazie, Le auguro buona giornata.

Risposta del Dott.Zambello: Gent.ma Signorina,
Sant'Agostino metteva la costanza, perseveranza, come un dono alla pari della fede e scriveva: " ...essa è il risultato dell'imperscrutabile e tuttavia fondamentale agire divino nel cuore stesso dell'uomo". Se capisco bene, è come dire: se Dio te l'ha data ce l'hai, altrimenti no. Io non sono un esegeta di Sant'Agostino ma penso che lui in questo caso saltasse una tappa: l'identificazione in Gesù è già un'atto fortemente volitivo. Voglio dire, mi perdoni chiaramente il paragone, che identificarsi, riconoscere un padre, una guida, qualcuno che sta davanti, é già la strada per poter continuare il cammino.


Aggiunto: Aprile 21, 2011
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address


Domanda allo psicoterapeuta:


divento rossa con qualsiasi che parlo tranne mio marito per qualsiasi cosa e quando sono osservata vorrei qualcosa per non diventarlo piu esempio delle creme o gocce

Risposta del Dott.Zambello: Gent.ma Signora Anna
l' eritrofobia, la paura di diventare rossi davanti agli estranei, o l'esperienza di farlo, come nel caso suo, é un sintomo di una fragilità dell'Io. Si pensa che l'Io non sia così "forte" da bloccare le emozioni che salgono dall'inconscio. Evidentemente lei non teme di manifestare, vivere, le sue emozioni con suo marito.


Aggiunto: Aprile 20, 2011
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address



Domanda allo psicoterapeuta:


Buona sera Dott. Renzo. la mia domanda è : come aumentare la sicurezza in se stessi ?
La ringrazio

Risposta del Dott.Zambello: Gent.ma Signorina,
immagini che uno un po' fragile fisicamente si rivolga a lei e le chiedesse: "scusa, cosa mi consigli di fare per rafforzarmi un po'?"
A livello mentale, psicologico, é la stessa cosa; bisogna lavorare, esercizio, sperimentare e tanta costanza e pazienza. Pazienza di accettare i propri limiti, pazienza di accettare che ci sono tempi "fisiologici" e personali e, l'umiltà di farsi aiutare. Nessuno, cresce da solo.


Aggiunto: Aprile 20, 2011
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address


Domanda allo psicoterapeuta:


gent.mo le scrivo inondata dalle lacrime. da 1 settimana vado avanti e indietro dalla psichiatria di Crema. mio figlio, 18 anni a agosto, ragazzo bravissimo, scuola privata aeronautica a Bergamo, buoni risultati, nessuna droga, nel giro di pochi giorni sembra impazzito. avverte un malore generale, non è più in grado di andare a scuola, di aprire un libro, dice di essere confuso, smarrito, dalle domande degli psichiatri sono saltate fuori delle cose che per noi sono delle assurdità, realtà che non c'è, si vede in altro tempo, ha avuto una iperattività mentale che ha portato il cervello in tilt. devo fare 3 giorni 2 resperdal alla sera e giovedì lo rivedono gli psichiatri, sono disperata, vedere un ragazzino d'oro conciato così è una cosa straziante. la ringrazio se vorrà darmi una parola di conforto.la saluto

Risposta del Dott.Zambello: Gent.ma Signora,
Conosco questa disperazione, paura, incapacità a capire, l'ho vista tante volte ma, mi creda spesso queste realtà acute rientrano senza lasciare strascichi. Sono possibili momenti di "delirio" che spaventano ma che non sono assolutamente irreversibili. Ciò che è importante è affidarsi alle cure degli psichiatri, avere internamente fiducia, sicurezza che passerà. E' verosimile che poi, oltre alla terapia farmacologica sia necessario affiancare una psicoterapia. Auguri.


Aggiunto: Aprile 20, 2011
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address


Domanda allo psicoterapeuta:


Buongiorno, le scrivo perchè ho un grosso problema di tipo affettivo. Sono una donna di 35 anni e ho sempre avuto problemi con l'altro sesso, soprattutto voglio parlare della mia ultima relazione.Sono stata insieme per due anni e uno di tira e molla con un ragazzo che mi piaceva tantissimo che sin dall'inizio mi ha fatto sentire una principessa e che mi ha fatto vivere momenti indimenticabili ma che è arrivato a picchiarmi a volte anche in modo molto violento a causa della sua possessività e gelosia morbosa. Manipolava tutto ciò che divevo per ritorcemelo contro,era geloso delle mie amicizie, si sentiva sempre messo da parte, non era felice per me se mi capitava qualcosa di bello che riguardasse NOI, insomma mi faceva sempre sentire soffocata e in una sorte di prigione dorata. Ora l'ho lasciato ma non le nascondo che cullo ancora l'idea che lui possa cambiare(me lo ha promesso migliaia di volte)e che mi possa regalare una famiglia un futuro dei figli,quello che desidera anche lui.Ho il terrore di non riuscire mai ad avere qs felicità perchè ormai ho già quasi 36 anni.A volte la paura mi blocca il respiro, la prego mi aiuti a capire perchè ho accettato che lui mi picchiasse mi manipolasse..solo perchè mi amava con tutto il suo cuore?ma si mi avesse amato davvero mi avrebbe picchiata?la ringrazio infinitamente.

Risposta del Dott.Zambello: Gent.ma Daniela, ciò che lei chiama "amore" del sua ragazzo, è in realtà un'espressione dell'incapacità di vedere se stessi staccati, separati, dell'altro, in questo caso da lei. E' possibile, per quello che lei dice che il suo ragazzo sia capace di vivere solo dei rapporti fusionali, dove l'altro non è staccato da sé, è fuso confuso con lui in un rapporto che diventa mortifero. Certo, tutti possiamo crescere ed é auspicabile che anche il suo ex ragazzo trovi la possibilità di farlo, escluderei che questo possa avvenire con lei.


Aggiunto: Aprile 18, 2011
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address


Domanda allo psicoterapeuta:


Egr. Dottore, in + di un occasione ho discusso con il mio terapeuta sull’opportunità o meno di raccontare la mia vita privata..questo perché rispetto all’ambiente che abitualmente frequento, sia lavorativo che non lavorativo, godo di una privilegiata posizione economica, e i miei privilegi (casa,diversi soldi da parte,etc) generano, secondo me, nel prossimo solo invidia. Il mio terapeuta sostiene che nessuno può obbligarmi a dire cose che non voglio dire e che posso condividere solo parte della mia vita e non, obbligatoriamente, tutto indistintamente. Tuttavia questo riesce molto difficile da realizzare in concreto perché, secondo me, nella realtà delle cose, se uno inizia a confidarsi risulta poi difficile riuscire a fermarsi e, se pure uno ci riuscisse, sarebbe difficile farlo senza creare malumori nel proprio interlocutore. La mia scelta è, dunque, quella di non raccontare nulla della mia vita e quando ricevo domande personali rispondo dicendo bugie. Questo è un problema per me, innanzitutto perché non mi piace mentire, e poi perché non mi sento libero difatti, molto spesso, accade che evito le persone che conosco proprio per evitare interrogatori…non vado in quel determinato posto perché potrei incontrare quella determinata persona….oppure se sto in compagnia di un conoscente che ritengo non invadente e all’improvviso se ne aggiunge uno che a mio giudizio lo è, vado via, etc…come posso sentirmi libero di dire e fare quello che voglio???alla fine mi sto accorgendo che + passa il tempo e più sto diventando asociale perché, in buona sostanza, per evitare il problema di dover mentire evito le persone….

Risposta del Dott.Zambello: Gent.mo Signore,
ho l'impressione che lei schematizzi un po': da una parte i bugiardi, dall'altra la verità. Non è proprio così, sono i bambini che pensano in termini di bianco e nero, tutto giusto, tutto sbagliato, tutto vero tutto falso. In realtà gli adulti imparano a modulare il linguaggio tenendo conto degli altri, dei tempi, delle opportunità e anche della proprie necessità di riservatezza. Ad esempio non è vero che il medico deve "dire tutta la verità", il medico deve mettere il paziente che ha davanti nella capacità di capire.
Non mi preoccuperei poi troppo dell'invidia degli altri, l'invidia fa male a chi la prova e poi non è mai un sentimento "puro", molto spesso si lega all'ammirazione.


Aggiunto: Aprile 16, 2011
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address



Domanda allo psicoterapeuta:


dottore sono un cinquantenne sardo da un pò di tempo ho dei dolorini zona ombellico che mi hanno preoccupato sono andato dal mio medico hò fatto un ecografia completa addominale che non ha evidenziato nulla dopo un pò di tempo è morto mio padre di tumore con tanta sofferenza .mi sono venute le preoccupazioni e soffrire d insonnia nonostante sia stato tranquillizzato di conseguenza stò dormendo malissimo cosa devo fare è come sè non voglio convincermi di non avere nulla.stò prendendo delle gocce la sera.

Risposta del Dott.Zambello: Gent.mo Signore,
lei soffre di nevrosi ipocondriaca. Si guardi il video che ho girato su queto tema:
http://www.youtube.com/watch?v=EMJf6YJveNs&feature=channel_video _title
Se le sembra che il suo disagio sia un po' troppo esteso, pervasivo, chieda aiuto ad un terapeuta.


Aggiunto: Aprile 15, 2011
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address


Domanda allo psicoterapeuta:


Salve,io ho una figlia di 21 anni ,ho educato con pazienza nel mio meglio posssibile, e' da ormai 6 mesi che e' seguita da uno psichiatra xche' stava molto male... il risultato e' che sta un po' meglio ma ha mandato io e mio marito da altri 2 psicologi differenti. puo' anke starmi bene.MA da qndo mia figlia frequenta qsto psikiatra e' diventata cattivissima nei miei confronti,sembra proprio ke me la voglia mettere contro.Anke mia figlia dice di nn capire xke' lo psikiatra mi odi tanto ?

Risposta del Dott.Zambello: Gent.ma Signora,

sua figlia ha tutto il diritto, dovere di andare da chi vuole, farsi curare dallo psichiatra che vuole ma, non di obbligarvi a fare altrettanto. La sua difficoltà a trovare la sua "libertà" non deve andare a scapito vostro. Non entri nel merito, anzi si rifiuti di sapere cosa sua figlia si racconta con il terapeuta ma esiga rispetto. In fondo é adulta, se trova così difficile abitare con voi, vada ad abitare da sola.


Aggiunto: Aprile 14, 2011
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address



Domanda allo psicoterapeuta:


Caro dott. Zambello vengo da un periodo molto buio dovuto ad un brutto trauma che probabilmente non ho ancora superato del tutto. Oggi che dovrei cercare in tutti i modi di farmi la mia vita mi trovo in un momento comunque di grande debolezza, sto all'università, al quinto anno, non mi mancano molti esami ma i più difficili, mi sento una nullità perchè non studio e so che cosi facendo non andrò avanti, penso a volte di lasciare e tentare un altra strada, ma questo mi farebbe male perchè fino a poco tempo fa pensavo di riuscire e mi sentirei davvero male agli occhi della gente e di tutte le persone che mi conoscono se cambiassi rotta,ed anche i miei genitori non lo permettereberò, ma al tempo stesso sto male oggi perchè vedo i ragazzi belli e spensierati che vanno avanti che studiano ed io qui fermo a pensare in negativo al mio futuro, forse il trauma e come ragiono oggi sono collegati, ma comunque io sto male in ansia a settembre prima dell'accaduto avevo una visione totalmente diversa della mia vita. Non posso continuare cosi, è straziante. la ringrazio

Risposta del Dott.Zambello: Lei non fa accenno a che tipo di trauma ha subito ma, poco importa, mi sembra chiaro che ora é in uno stato di stallo. Lei non chiarisce se prima del trauma le cose all'Università andassero bene, ho il sospetto che non sia proprio così. Penso si siano sovrapposte tematiche e disagi diversi.
Perché non chiede aiuto ad un terapeuta, magari trovandosi un piccolo lavoro al sabato o domenica che le permetterebbe di pagarsi la terapia?


Aggiunto: Aprile 12, 2011
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address


Domanda allo psicoterapeuta:


No dottore non sto giocando che cosa glielo fa pensare, solo perchè non so dare un nome a quello che ho, mentre invece gli altri sono seri vero, a volte l'apparenza inganna sa e io mica credo che le persone che le scrivono hanno tutte quelle cose, come fanno a saperlo, chi glielo ha detto, e perchè lo hanno accettato? Io si sono come un bambino che quando si fa male non sa dargli un nome, si limita a non fare più certe cose che faceva prima. Quando leggo i problemi degli altri rimango esterrefatto per quanto sono precisi nella descrizione, com'è che fanno? io non lo so fare mi creda; se poi questo è sinononimo di giocare allora va bene sto giocando. Spero di essermi chiarito con lei che ha avuto la bontà di almeno rispondermi, anche se la risposta delle risposte non l'ho avuta. Arrivederci dottore è stato un piacere.

Risposta del Dott.Zambello: Gent.mo Signor Michele,
non volevo rimproverarla, la invitavo solo a non chiedere ma soprattutto lamentarsi in modo indiscriminato.
Lei parla di un dolore "senza nome" e questo è già descrittivo. Grandi scrittori hanno parlato di:"Male oscuro". Berto, uno di questi si riferiva ad esempio alla Depressione. Io non so se lei sia depresso, non so niente di lei ma, sono certo che se lei avrà il coraggio di chiedere aiuto, personalmente ad un medico, ad uno psicoterapeuta, la potrà aiutare.
Auguri.


Aggiunto: Aprile 12, 2011
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address
Powered by PHP Guestbook 1.7 from PHP Scripts
 
Numero di domande: 1922 Numero di pagine: 193 « First ‹ Precedente 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 Successivo › Ultima »

Medico psicoterapeuta e psicoanalista

Viasualizza la cartinaDott. Renzo Zambello
Via G. Fiamma 15 20129 Milano
Tel.+39 02 6697907
Cell. +39 347 2282733

Per appuntamento contattare telefonicamente
o via email
zambello.renzo@gmail.com