Studio: Via G. Fiamma 15, 20129 Milano Tel : 02 6697907 Cell :347 2282733
Menu


Domanda allo psicoterapeuta:


Salve Dott. Zambello. Le scrivo per chiederle un consiglio: vorrei aiutare il mio ragazzo ma non so come. Io ho 28 anni, lui 37. Io mi sono laureata quasi 3 anni fa, una facoltà umanistica. Mentre lui è iscritto a medicina, ma è bloccato. Non so dirle il motivo preciso, ce ne sono una serie. Non so bene quando sia iniziato il suo blocco perchè da quando lo conosco, 6 anni, è sempre stato bloccato. Praticamente ha dato 2 esami negli ultimi 6 anni. Io non l'ho mai visto studiare. Mi ha sempre detto che con me in casa gli fa strano, non ci riesce. E pensare che lui mi parla di convivemza.Ma finchè io no trovo un lavoro non potrò andare a convivere con lui, altrimenti mi sentirò sempre responsabile del fatto che lui non studi. Io credo che il suo blocco sia dovuto al fatto che ha qualche problema in famiglia, ma non sono cose serie. Solite lite, terreni, la sorella con cui non ha un ottimo rapporto. Una volta scherzando, gli ho dato un termine: se entro 3 anni non ti laurei ti lascio. Mi ha risposto che allora ci potevamo lasciare anche subito! Cosa posso fare? Sono disperata, io non voglio lasciarlo.Ma così che futuro abbiamo?

Risposta del Dott.Zambello: Gent.ma Signorina,

faccia quello che le ha promesso: lo lasci se non si laurea in un tempo prefissato. A meno che lei non voglia sposare un eterno bambinone. Se il suo ragazzo vuole uscire da questo tunnel deve chiedere aiuto ma, lui, non lei per lui. Se non lo fa, vuol dire che vuole rimanere "dentro". Decida lei cosa vuol fare.


Aggiunto: Aprile 9, 2011
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address



Domanda allo psicoterapeuta:


Salve Dott. Zambello, scusi se sono troppo lungo ma ho bisogno di un consiglio. Le espongo il mio problema: sono un ragazzo di 26 anni appena compiuti, fin dall'adolescenza sono stato insicuro a causa del mio aspetto fisico, ero grasso, non ho mai voluto frequentare posti in cui avrei dovuto spogliarmi tipo palestre, piscine perchè c'era il dramma della doccia e avevo paura di mostrare i genitali, anche nell'età in cui gli amici scoprono il sesso (masturbazione in gruppo) io avevo vergogna di mostrare i genitali e non l'ho mai fatto, diciamo che questo confronto con i miei compagni di sempre mi è mancato.
Mi è capitato di "confrontarmi" in webcam con ragazzi sconosciuti della mia età per vedere cosa si prova e per me è stato eccitante, ho creduto per molti anni di essere omosessuale per aver cercato queste situazioni però non farei mai sesso con un uomo, anche se mi affeziono molto ai ragazzi del mio sesso della mia età, non ho amici veri forse è per questo.
L'ultima volta che mi è capitato è stato con un ragazzo con cui sono rimasto amico, lui aveva il mio stesso problema prima mi ha detto di essere etero, ma poi ha confessato di essere omosessuale. Sono rimasto un po’ deluso però ci sono rimasto amico perché anche lui aveva questo desiderio di confrontarsi.
Dopo questo evento ho deciso di smetterla perché odio questa situazione, vorrei che fosse superata data la mia età.
L’adolescenza l'ho superata da un pezzo ma è pur vero che l ho vissuta malissimo non avevo amici non uscivo e stavo sempre in casa, fino a che mi sono iscritto all’università.
Mi sono sempre innamorato di ragazze ma il sesso con loro non l’ho mai cercato forse perchè mi mancava una tappa importante che era quella del confronto con il mio stesso sesso. Adesso invece mi sento più attraente il mio fisico è cambiato e mi sento meglio anche con le ragazze, attrazione fisica c'è ma mi sento insicuro di avere un rapporto sessuale con una donna. ho bisogno di tempo per sviluppare questi sentimenti? E un ultima cosa, provo sensi di colpa se un giorno dovessi avere una relazione seria o un matrimonio con una donna per aver fatto le cose che dicevo prima, crede che dovrei confessarle alla mia compagna o sono cose personali che fanno parte della vita di un ragazzo? E' normale avere questi sensi di colpa?
Lei cosa ne pensa, sono malato forse? O un omosessuale represso? M asolo l'idea di vivere insieme ad un omoe avere rapporti fisici con lui mi disgusta. Non so più cosa pensare.
Grazie se vorrà rispondere.

Risposta del Dott.Zambello: Gent.mo Marco,
ma che centra l'omosessualità con lei? Lei E' un ragazzo normalissimo che si ritrova a vivere un po' in ritardo la sua sessualità, tutto li.
Non c'è un tempo per arrivare al sesso, l'importante è poi viverlo bene e crescere nella possibilità di esprimerlo.
Non si preoccupi Marco, lei non ha niente di "strano" da confessare o tacere. Vedrà che un giorno sorriderà di questi ingenui dubbi.


Aggiunto: Aprile 7, 2011
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address


Domanda allo psicoterapeuta:


Egr. Dott. Zambello, volevo porLe una domanda. Prima però deco rubarLe due minuti e spiegarLe la mia situazione. Ho lasciato il mio fidanzato dopo 8 anni, non c'era più amore....rapporto statico, lui non mi considerava neanche più....trovo il coraggio di lasciarlo dopo chissà quante volte avero solo pensato e subito mi rifidanzo con un altro ragazzo (forse l'entrata di questa persona mi ha dato il coraggio di farlo). Adesso passati svariati mesi, in cui il mio ex non mi cerca più, mi capita di ripensarlo con nostalgia...non lo amo, ne sono sicura, ma mi manca una persona che nella mia vita c'è sempre stata....e che ovviamnete non potrà mai essere mio amico. La mia domanda è questa: è normale che lo pensi ancora? in cuor mio mi porto il peso del dolore che gli ho dato, e ho paura di svegliarmi un giorno e pentirmi di tutto quanto.....scusi lo sfogo! Un abbraccio.

Risposta del Dott.Zambello: Gent.ma Daniela,
l'amore come un gioco dove si alterna speranza, seduzione e poi noia, delusione ed il dubbio: ma avrò fatto bene? Come in una stanza di specchi, non sa mai dove sia l'altro, dove sia veramente lei. Vede, quando nell'amore cerchiamo "noi" e l'altro è solo una nostra immagine, andremo sempre incontro a delusione. Non dubita che quella sottile nostalgia che lei descrive, sia solo un'immagine di sé che non trova più, un'illusione narcisistica.


Aggiunto: Aprile 7, 2011
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address


Domanda allo psicoterapeuta:


Caro dottor Zambello, il suo sito mi è molto piaciuto e soprattutto ho apprezzato la sua chiarezza e competenza, nonchè l'apertura mostrata verso gli psicoanalisti laici che esercitano e praticano in Italia. Esistiamo e lavoriamo. Facciamo forse parte della vecchia guardia che prima del 1989 era considerata e apprezzata senza problemi. La legge non regolamenta l'esercizio della psicoanalisi portata avanti da laureati, ma non medici e non psicologi(sebbene spesso con diploma di specializzazione in psicoanalisi quadriennale, quando ancora si poteva, come me, per esempio), all'interno del quadro corporativo dell'albo degli psicologi o medici. Si tratta di una posizione professionale "libera" quindi delicata che, come sa, è anche molto dibattuta. Nessuno di noi si sogna di definirsi psicologo, medico nè psicoterapeuta, ma solo e semplicemente psicoanalista. La ringrazio e buon lavoro

Aggiunto: Aprile 6, 2011
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address


Domanda allo psicoterapeuta:


mia mamma e da due settimane che prende le compresse eutimil da 20 per la prima settimana ne prendeva metà poi a iniziato a prenderla intera sempre consigliato da uno psicologo il problema e che coma la ingoia dopo pochi minuti si addormenta e dorme di continuo e non ha mai fame oltre metà panino se se lo mangia se no sta digiuna giornate come mai gazie e buon sera

Risposta del Dott.Zambello: Gent.ma Vale,

evidentemente quel farmaco per sua madre è troppo forte. Ne parli con il suo medico. Io credo che la persona che sta curando sua madre non sia uno Psicologo ma uno Psichiatra. Gli Psicologi, se non sono anche medici, non possono prescrivere medicine.


Aggiunto: Aprile 4, 2011
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address


Domanda allo psicoterapeuta:


Dott, mi scusi l'insistenza ma io vorrei sapere se davvero tutto tornerà come prima? Perchè in questo periodo sto allontanando tutti e tutto.. e non vorrei che questa malattia mi porti ad allontanare la persona a me più cara che sogno formi il mio futuro.. anche se ripeto la voglia di rimanere sola al buio è tanta e le speranze di guarire sono aimè poche!!

Risposta del Dott.Zambello: Gent,ma Karmen,

io non faccio il mago, né è una mia aspirazione. Le posso dire che "l'esperienza clinica" dice che se uno fa bene la psicoterapia la possibilità di guarigione è molto alta.


Aggiunto: Aprile 3, 2011
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address



Domanda allo psicoterapeuta:


buongiorno dottore. sto seguendo una psicoterapia da circa un anno e mezzo.il problema è che quest anno ho la maturità, e lo studio comincia a sovrapporsi con i miei problemi. mi è difficile stare con gli altri, tendo a isolarmi, per il senso di panico e la profonda vergogna che mi assalgono in genere quando sono in compagnia. il problema è che non ho amici storici essendomi trasferito qui a verona da 6 anni..e faccio tuttora fatica a ad avere rapporti stabili.nel senso che che mentre studio concentrarsi diventa impossibile, paure e ansie si sovrappongono e senza volerlo comincio a pensare a fatti e a situazioni lontane nel passato. ricordi negativi, o situazioni di disagio, o brutte esperienze e nel passato. poi segue una specie di paura che in me ci possa essere qualcosa di grave. allora se cedo, il che avviene spesso, comincio a pensare al futuro, e mi assale un senso di disperazione, disperazione per la coscienza di dovere comunque andare avanti. studiare per non essere dipendente economicamente da nessuno. per costruirmi un futuro, una famiglia, speravo meno divisa da paure incomprensioni e rancori.con più dialogo....una vita soddisfacente...una vita sensata.
adesso mancano due mesi alla fine della scuola, e mollare adesso l'anno prossimo mi creerebbe un problema in più...le scrivo tutto questo perchè non riesco ad aspettare lunedi, che ho la seduta..

ps secondo lei i forum di mutuo aiuto psicologico sono utili in minima misura? se si saprebbe consigliarmene qualcuno?

Risposta del Dott.Zambello: Gent.ma Signore,
è utile avere dei rapporti "reali". Parzialmente anche i rapporti in rete sono "veri" ma, soprattutto quando si è poco più che adolescenti, si ha bisogno di comunicare con tutto nostro Sé, corpo compreso.
Lei sembra avere difficoltà proprio a fare questo. Si sforzi quindi a superare questa difficoltà: a trovare il linguaggio del corpo. Chieda eventualmente al suo terapeuta di poter integrare oltre alle sedute con lui delle sedute di psicoterapia di gruppo. Le farebbero molto bene, a Verona non avrà certo difficoltà a poterle fare


Aggiunto: Aprile 1, 2011
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address


Domanda allo psicoterapeuta:


Egregio Dott. Zambello, io avrei bosogno di un aiuto.
Sono una ragazza di 19 anni in cura da una psicologa. Non riesco a vivere più da circa 3 mesi fa\\\', quando un insieme di preoccupazioni mi hanno portato ad uno stato di vegetazione. I dottori vari hanno detto che questa situazione è stata scatenata dal fatto che mia sorella partita tre mesi fa a Milano per lavoro (io abito in Puglia), è stato come un lutto per me, ma ciò è avvenuto tutto senza che io capissi niente. Ora mi trovo in uno stato disastroso: non riesco ad avere appetito, ho paura di dormire, ho paura che questo stato mi porti ad allontanare la persona a me più cara, ho paura di svolgere le semplici attività perchè penso mi possano far fare azioni di cui potrei pentirmene, io ragazza di sanissimi principi mi ritrovo a non riuscire a guardare più la Tv perchè parlando di tradimenti, coppie divorziate, non mi va più di stare tra la gente infatti tendo ad isolarmi poichè ho paura possano farmi il cosidetto \\\"lavaggio di cervello\\\". Ho la voglia di tornare alla mia vita semplice con le person che amo!! Non ci capisco più niente

Risposta del Dott.Zambello: Gent.ma karmen,
é probabile che lei si sia sentita "tradita" da sua sorella. Non se ne faccia una colpa. Lei avrà capito che tutto avviene in maniera inconsapevole.
Continui a lavorare con la sua terapeuta e abbia pazienza.Occorrono quasi 6 mesi perché noi riusciamo ad elaborare il lutto. Vedrà, poi ritornerà più forte di prima.


Aggiunto: Marzo 31, 2011
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address


Domanda allo psicoterapeuta:


Buon giorno dott. Sono un ragazzo di 27 anni. Prossimo alla laurea in giurisprudenza. Dall'agosto 2006 a causa di un infarto capito ad un mio zio che per me tento a sottolineare non è' uno zio ma bensì un padre tanto che ho subito all'età di due anni la separazione dei miei genitori ritornati successivamente insieme quando io avevo 9 anni. La situazione familiare non è' cmq cambiata. I miei continuano a non avere un buon rapporto. Da quell'agosto ho iniziato ad avere attachi di anzia, tachicardia, morale basso. Premetto che dal 2005 al 2006 ho svolto il servizio civile presso un istituo pre disabili con diverse patologie mentali. Le sottolineo inoltre che sono sempre stato un ragazzo che svolgeva in modo assiduo attività sportiva. Ho giocato a calcio nella squadra della mia città. Ad agosto del 2006 non riuscendo più a gestire l'ansia mi sono rivolto ad uno psicoterapueta che mi somministrò una terapia: Zoloft 20 mg/ml soluzione. Iniziai a prendere 50 gocce al giorno suddivise in 25 al mattino e 25 a sera. il medico me le ha scalate di volta in volta fino a giungere nel 2009 a prendere solo 2 gocce a sera prima di andare a dormire. Sembra un sogno tutto era perfetto. In questi anni ho intrapreso anche una carrire politica con diversi incarichi in un partito che non le sto qui a specificare quale sia a livello locale dunque nel mio paese sis a livello regionale. Ho fatto varie campagne elettorali da protagonista. Ho avuto un grosso incarico nel sindacato. Tutto andava bene zoloft era la mia forza per andare avanti nella vita..La sera lo prendevo e la mattina ero un leone. In questo periodo ad ottobre 2009 sono stato assunto a tempo indeterminato nello stesso istituto dove ho svolto il servizio civile come dicevo sopra. Tutto sembrava un sogno fino ad un mese fa quando a seguito di incarichi avuti dal direttore della mia azienda e ad una crescita professionale un mio collega mi ha acredito mettendomi le mani addosso ed aggredendomi psicologicamente. Da quel giorno non sono più la bomba, come mi definisco, di una volta. Ho forti dolori alle gambe un senso di essere impacciato nei movimenti ed anche una paura a non muovermi più. mi sento anche con un senso di brividi addosso. Come se ho sempre freddo.La sera dormo dalle 23 alle 5 mi sveglio per una mazz'oretta e poi mi riaddormendo fino alle 7 e mi sento di non riuscire a svolgere la vita quotidiana. (Voglio premetterle una cosa prima dell'episodio con il mio colega a detta della mia cara mamma che mi è' stata sempre vicina in qualsiasi momento prima ero anche nervoso con lei non parlavo mai avevo anche atteggiamenti molto aggressivi nei suoi confronti e di quelli della mia sorellina. Prima mangiavo velocemente ed andavo subito a riposarmi perchè' avevo sonno.) Ad un controllo dal dott. avuto subito dopo l'episodio mi ha continuato la terapia di 2 gocce alla sera prima di
dormire. Per il mio dott. da una parte quell'episodio con il collega è' stato anche positivo per scuotermi dato che secondo lui mi ero creato una sola vita formata sul lavoro e sulla crscita professionale e zero rapporti con la società con i familiari). Grazie per l'ascolto... Volevo un consiglio anche da lei..

Risposta del Dott.Zambello: Gent.mo Dottore,
ho l'impressione che lei abbia scambiato una terapia di sostegno, dove per altro si è sovrapposta una terapia farmacologica con la psicoterapia. Non è che una è giusta e l'altra sbagliata è che semplicemente la psicoterapia è altro.
Da ciò che intuisco lei ha una certa difficoltà ad elaborare la sua aggressività.
Le consiglierei di cercarsi uno psicoterapeuta ed iniziare una terapia dinamica.
Non so dove lei abiti ma, sicuramente potrà trovare qualche terapeuta formato come psicoanalista guardando nei siti della:
SPI http://win.spiweb.it/soci_sito/soci.asp
AIPA http://www.aipa.info/


Aggiunto: Marzo 31, 2011
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address



Domanda allo psicoterapeuta:


Salve dottore sono un ragazzo di 33 anni da 10 anni soffro di ansia ossessiva mi hanno solo riempito di sedativi ora sono 5 mesi che mi sono fidanzato e la mia ragazza mi sta aiutando a uscire fuori da questo ma io continuo a sentirmi confuso e mi sento la testa scoppiare, per di piu quando ho un rapporto non riesco a godere e non sento niente sono come un pezzo di marmo, anche dieci anni fa era lo stesso come posso fare per risolvere tutto la ringrazio

Risposta del Dott.Zambello: Gent.mo Antonio,
lasci perdere i farmaci e cerchi di affrontare il "perché" di questa ansia.
Vada da uno psicoterapeuta e vedrà che ne avrà grossi vantaggi.


Aggiunto: Marzo 31, 2011
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address
Powered by PHP Guestbook 1.7 from PHP Scripts
 
Numero di domande: 2017 Numero di pagine: 202 « First ‹ Precedente 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 Successivo › Ultima »

Medico psicoterapeuta e psicoanalista

Viasualizza la cartinaDott. Renzo Zambello
Via G. Fiamma 15 20129 Milano
Tel.+39 02 6697907
Cell. +39 347 2282733

Per appuntamento contattare telefonicamente
o via email
zambello.renzo@gmail.com