Studio: Via G. Fiamma 15, 20129 Milano Tel : 02 6697907 Cell :347 2282733
Menu


Domanda allo psicoterapeuta:


Dottor Zambello è possibile diventare uno psicanalista bernhardiano?Insomma esistono la scuola freudiana e quella junghiana.I vari maestri della psicologia hanno creato varie scuole di pensiero che alla fine rilasciano il titolo di, psicanalista freudiano, psicanalista junghiano,cioè insomma uno diventa psicanalista appartenente a una scuola di pensiero che porta il nome del filosofo fondatore.Penso agli psicoterapeuti della scuola di John Watzlawick.Magari anche Lacan ha creato gli psicanalisti lacaniani. Diventare psicanalista bernhardiano è possibile? Ovviamente con bernhardiano mi riferisco al grande Bernhard, Ernst Bernhard.

Risposta del Dott.Zambello: Non conosco scuole che abbiano un indirizzo di formazione che lei chiede. Però, tenga presente che in Italia non é riconosciuto il titolo di Psicoanalista. Tutti si possono definire Psicoanalista.
In realtà gli psicoanalisti che appartengono ad una società, hanno affrontato un percorso formativo di almeno 8, 10 anni dopo aver raggiunto il titolo di Psicoterapeuta.
Stranezze italiane.


Aggiunto: Novembre 1, 2019
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address



Domanda allo psicoterapeuta:


Domanda:
Mi sono innamorato di una ragazza omosessuale e mi deprime molto il pensiero che, probabilmente, non ho possibilità di riuscire a farla innamorare. Lei cosa ne pensa? È possibile che una persona, nonostante sia omosessuale, si possa innamorare di una persona del genere opposto


Aggiunto: Novembre 1, 2019
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address


Domanda allo psicoterapeuta:


Non ci credo che lei ci è arrivato a 50 anni, però la prendo per una cosa vera, non stiamo adesso a dire sì no, vero non vero. Quando anche io ci arriverò la contatterò per dirglielo, poi farò una festa e gli invitati saranno tutte persone che ci sono arrivate, prima di me ovviamente, e tra gli invitati ci sarà anche lei, un arrivato tra gli arrivati e si festeggerà l'ultimo, arrivato, che spero di essere io. Grazie per la pazienza dimostratami, non le chiedo niente, solo di farmi gli auguri di un buon proseguimento. :!shake:

Risposta del Dott.Zambello: Legga il mio libretto: "Ricordi e Riflessioni di uno Psicoanalista".l'ho scritto proprio per raccontare come, se pur con tanta fatica è possibile farcela.
Alla festa ci verrò sicuramente.
Auguri.


Aggiunto: Ottobre 29, 2019
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address


Domanda allo psicoterapeuta:


Dottore sono gay. O meglio penso di esserlo. Sono cresciuto con un padre assente e una madre molto invadente. Le faccio un esempio nei momenti in cui cominciavo a masturbarmi di nascosto durante l'adolescenza in bagno mi spiava. Mio padre è stato ancora peggio.
Dico che a oggi mi sento confuso perché ho avuto una educazione molto femminile. Non mi sono mai confrontato durante la mia vita con altri ragazzi e non ho avuto nessun modello di riferimento maschile. Ora vorrei andare in terapia. Nella mia città c è l'ambulatorio di identità di genere ma ho paura di andarci. Ho paura che avendo avuto una educazione femminile il terapeuta mi dica accetti di essere di testa donna e quindi non comprendere le mie paure. Ho inoltre paura di parlare di quello che avvenuto nelle mura domestiche. Come posso dire di avere una madre che mi spiava se mi masturbavo o di avere un padre che si vantava di avere tre gambe? Mi sembra di sputare addosso alla mia famiglia, e provo anche vergogna. Che fare?

Risposta del Dott.Zambello: Premesso che il Terapeuta ha l'obbligo di privacy su quanto avviene in seduta, egli poi, si astiene da ogni giudizio. Per lui le categorie etiche e morali personali, non sono mai applicabili al paziente.
Per ciò che capisco da quanto lei scrive, lei ha fatto suoi gli schemi comportantali della madre è un po' anche del padre e non sa più cosa lei voglia realmente. È chiaro che un rapporto terapeutico la aiuterebbe molto a capire, ma soprattutto a capirsi. Dove è come , lo veda lei.


Aggiunto: Ottobre 29, 2019
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address


Domanda allo psicoterapeuta:


Buongiorno dottore, intanto la ringrazio per questo spazio che dedica a chi come me ha bisogno di alcune delucidazioni riguardo alla propria persona, certo questo non sostituisce la relazione terapeutica, ma serve, almeno per me. Vengo al dunque, mi sto sottoponendo ad una terapia psicanalitica e passo dopo passo sto facendo dei progressi, ma quello che voglio non l'ho ancora raggiunto, e, quello che voglio non è tanto diventare uno psicanalista bensì trovare il mio posto nel mondo, come l'ha trovato Lei e il mio terapeuta e tutti quelli che fanno il vostro lavoro. La domanda quindi è: quando saprò di aver raggiunto la vetta, se così si può chiamare? Sempre che una vetta esista e non piuttosto un continuo progredire senza fine. So già che Lei mi risponderà e io leggerò la sua risposta e poi io tornerò come prima, ovvero una persona che sta cercando la sua strada che non ha ancora trovato.
La ringrazio nuovamente per lo spazio e il tempo che mi ha dedicato.

P.S. sono un tipo sorridente

Risposta del Dott.Zambello: Signor Roby ha fatto sorridere anche me quando scrive che mi pensa arrivato sulla vetta. Non esiste una vetta ma tante vette. E, la vita è comunque dura.
Se c'è una cosa che mi riconosco è di avere coscienza di essere sulla strada giusta.
Ci sono arrivato a 50 anni. Ma, io sono tardo.
Le auguro di arrivarci molto prima.


Aggiunto: Ottobre 29, 2019
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address


Domanda allo psicoterapeuta:


Dottore chi giudica. Lavorare in nero, non pagare tasse e andare all'università gratis è pur un vantaggio che il ceto medio non ha. Io non giudico ma lei non ha capito la mia domanda. Come comportarsi con una che alla fine venuta dal basso, dimentica le proprie origine perché un pò se ne vergogna e si vuole comportare da arricchita. Forse sarà che mi hanno cresciuto i nonni avendo i genitori sciagurati ma i miei nonni mi hanno sempre imparato ad essere umile e a non ostentare cosa lei oggi fa avendo una disponibilità economica.

Risposta del Dott.Zambello: Ma perché il fatto di venire da una famiglia povera la dovrebbe far sentire inferiore? Inferiore a chi? Ognuno di noi ha quello che ha costruito lui, del resto non c'è proprio di cui vantarsi.


Aggiunto: Ottobre 28, 2019
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address


Domanda allo psicoterapeuta:


Dottore mi preoccupa mio fratello. Lui da quando si è fidanzato con una ragazza che fa il vostro lavoro (ma non è un medico) è cambiato. Faccio una precisazione. Io vengo da una famiglia borghese ma sono cresciuto con un padre padrone dove al di là del pane e del latte e dell'istruzione, ogni cosa per lui era superfluo. Anche la nostra casa è molto umile. Adesso mio fratello si è fidanzato con una ragazza che viene da una famiglia povera. Il padre e la madre facevano lavori saltuari e in nero e lei, per circostanze fortunate della vita, è arrivata in alto ma non ha umiltà: ogni week end un viaggio, smartphone di ultima generazione, pranzi fuori. Insomma, da quello che ho capito, una che, si che guadagna, vuole fare tutto quello che i genitori non gli hanno potuto dare. Non mi conosce e fa con mio fratello paragoni tra me e suo fratello che anche lui ha avuto la fortuna di realizzarsi. Forse sarò sbagliato io, io non ho mai ostentato nulla nella vita pur avendone i mezzi e quando ne avevo la possibilità. Quando conoscerò queste persone non so come comportarmi. Consiglio?

Risposta del Dott.Zambello: Intanto comincerei a riconoscere che questa ragazza, nonostante le difficoltà della famiglia, ce la fatta. Perché svalutarla con "cause fortuite", è stata brava e basta.
Come comportarsi? Semplice: non giudichi. Lasci che suo fratello e questa ragazza facciano la loro vita. Magari imparerà qualcosa anche iei.


Aggiunto: Ottobre 28, 2019
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address


Domanda allo psicoterapeuta:


Ho ricevuto tanti, troppi schiaffi dalla vita, troppi colpi bassi; adesso, dopo l'ennesima delusione, non ho più né la voglia né la forza di andare avanti, ho perso la voglia di vivere. C'è un rimedio? Ormai faccio fatica anche ad alzarmi la mattina

Risposta del Dott.Zambello: Lo so, la vita a volte è dura. Mi creda, parlo per esperienza, però, dobbiamo lottare, sempre per farcela.
Si faccia temporaneamente aiutare farmacologicamente e poi, se può , vada da uno psicoterapeuta. Le consiglio uno, specializzato in psicoterapia dinamica.
La vita è comunque una meraviglia.


Aggiunto: Ottobre 27, 2019
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address


Domanda allo psicoterapeuta:


È vero. Lei ovviamente risponde su queste pagine a titolo gratuito. Forse ci guadagna in visibilità, ma è più probabile che lo faccia per sentirsi utile.
Beh, no. Questione economica a parte lei è esattamente come tutti gli altri. Inutile. Almeno nel mio caso. La sua filosofia, il suo Vangelo, San Francesco e compagnia bella, li propini a quelli che sono normali, e che non hanno nessun cazzo di problema se non un sacco di fissazioni e pippe mentali.
Perché, in fondo, è questo che fate: "guarite" quelli che non sono mai stati malati e chi invece davvero non è normale, siete solamente capaci di dirgli che deve mettersi l'anima in pace, e che deve restare per sempre così.
Perché non siete in grado di guarire nessuno in realtà.
Io delle vostre parole inutili non so che cazzo farmene. Non mi servono a un cazzo. Io voglio risultati. Io voglio guarire. Diventare normale.
Ripeto: quattro anni di psicoterapia mi sono fatta. Senza contare gli interventi chirurgici e gli oltre 25 anni di terapie ormonali.
Siete riusciti a guarirmi?
NO.
Mi avete fatto diventare una donna vera? NO
Posso avere dei figli? NO
Riesco a sentire normalmente quello che le le persone mi dicono? NO

Non servite a nulla. Io faccio schifo, ma voi fate anche più schifo di me.


Aggiunto: Ottobre 20, 2019
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address



Domanda allo psicoterapeuta:


soffro di rosssore al volto in situazioni sociali...la cosa strana è che quando ho la temperatura esterna favorevole non mi succede
sento un specie di vergona anche quando si trattano temi sessuali e in genere sempre ..soprattutto quando avverto cue il mio interlocutore mi puo' sopravanzare a livelli di personalità e determinazioneper capire...con le persone buone e remisisive non mi succede...certo il tutto che dura da 20 anni mi rovina autostima e rapporti sociali...sono deluso ho provato terapia psicologia anche se non specifica ma nulla...ho visto che si puo' fare una operazione al simpatico, ma sinceramente ho paura degli effetti collaterali.Mi sa dire uno psicologo nei pressi della mia città che è Terni..o che rimedi ci sono ? grazie

Risposta del Dott.Zambello: A Treni come Socio dell'AIPA c'è:
Cuccini Cristina
Socio ordinario


Aggiunto: Ottobre 21, 2019
ELIMINA QUESTA DOMANDA RISPONDI ALLA DOMANDA Guarda IP address
Powered by PHP Guestbook 1.7 from PHP Scripts
 
Numero di domande: 2030 Numero di pagine: 203 « First ‹ Precedente 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Successivo › Ultima »

Medico psicoterapeuta e psicoanalista

Viasualizza la cartinaDott. Renzo Zambello
Via G. Fiamma 15 20129 Milano
Tel.+39 02 6697907
Cell. +39 347 2282733

Per appuntamento contattare telefonicamente
o via email
zambello.renzo@gmail.com