Alcolismo, una dipendenza che fa più morti della droga

alcolismo

alcolismo

L’alcolismo, una dipendenza pericolosa

Alcolismo, fa più morti della droga e  le crisi di astinenza sono molto più terribili. Eppure l’alcolismo fino a qualche tempo non era trattato alla stregua di una malattia, ma soltanto di un vizio. A torto. La dipendenza da alcol, l’alcolismo è caratterizzata dalla mancanza di controllo da parte dell’alcolista sulla sostanza che lo rende schiavo. Non solo; questa dipendenza ha dei costi sociali enormi in morti per patologie secondarie. Sono: cirrosi ed epatocarcinoma, malattie cardiovascolari, patologie cerebrali. Bisogna aggiungere gli incidenti stradali provocati da riflessi appannati dall’alcol, i ricoveri ospedalieri, i divorzi e i licenziamenti. Nonostante tutto ciò, le bevande alcoliche restano una risorsa facilmente raggiungibile. Non sono fuorilegge ed il loro prezzo è alla portata di tutti.

Alcolismo: come uscirne

Cosa è e come uscirne.  Molti cominciano come per il fumo o la droga,  provando con gli amici. È questo il primo passo della strada che se percorsa fino in fondo, porta all’alcolismo. L’euforia che si sperimenta dopo aver alzato un po’ il gomito è un incentivo per le persone più deboli psicologicamente. La possibilità di dimenticare i problemi quotidiani. Eppure, per arrivare allo stadio finale ci vuole  tempo e i segnali che indicano l’assuefazione sono sempre molto chiari. A cominciare dal desiderio sfrenato per l’alcol e dall’incapacità di controllare le quantità di alcol ingerito.  Fino alla tendenza a bere già al mattino e alla crisi di astinenza vera e propria. Già a questo stadio si ha bisogno di aiuto, ma è più facile venirne fuori rispetto alla dipendenza.

I DANNI IRREVERSIBILI  dell’ ALCOLISMO

I danni che l’alcolismo può causare all’organismo sono numerosi. E’ l’etanolo, una sostanza zuccherina contenuta nelle bevande alcoliche a dare il senso di euforia e a provocare danni irreversibili. Questa sostanza è solubile nell’acqua, principale componente del nostro corpo, quindi facilmente circola e raggiunge ogni parte del nostro organismo. Bastano pochi minuti per passare nel sangue e di lì al fegato, dove viene scomposto in acqua, eliminata poi con l’urina  e alcol puro. Questo viene rimesso nuovamente in circolo a fare danni. L’abuso di alcol porta alla morte milioni di neuroni, danneggiando il cervello.  Provoca cirrosi e conseguente epatocarcinoma, distruggendo il fegato, inibisce il funzionamento perfetto del sistema immunitario. Il soggetto è esposto al rischio infezioni, mina le coronarie, aumentando il rischio di patologie cardiovascolari.

Come smettere.

Per smettere bisogna innanzitutto averne la volontà, come per ogni tipo di dipendenza.  La psicoterapia e la farmacoterapia sono le due uniche armi di cui la forza di volontà può avvalersi.

La psicoterapia può essere individuale o di gruppo.  Nel caso di trattamento individuale, il rapporto medico-paziente sarà importantissimo, perché per l’alcolista lo psicoterapeuta sarà l’unico punto di riferimento.

da: http://www.affaritaliani.it

Commento del Dott. Zambello

E’ mia esperienza che le dinamiche di fondo dalla dipendenza da alcol sono le stesse per la droga, gioco, sesso e fumo.

Ogni persona ha  strutturato la propria esperienza,  difese in maniera  personale ma, le  cause  sono le stesse. E’ per questo motivo che   si può spiegare del perché la dipendenza dall’alcol sia in fondo più perniciosa  delle altre dipendenze. L’alcol come forma e modo di assunzione si avvicina più di tutte le altre a quella che è  la causa. Cioè,   il rapporto non risolto con il seno, il latte di nostra madre.

E’ la tesi della Klein. Certo è una semplificazione teorica, uno schema di lavoro che va verificato caso per caso.  Ma solo rimuovendo, elaborando, questi nuclei profondi è possibile la liberazione dalla dipendenza.

 

Di Renzo Zambello il libro:  ” Ricordi e riflessioni di uno psicoanalista”   Ed.  Kimerik

Ricordi e riflessioni di uno psicoanalista.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *