Approccio multidisciplinare per la cura delle depressioni

Approccio multidisciplinare, depressione

Approccio multidisciplinare

Approccio multidisciplinare

La cura della depressione:  un approccio multidisciplinare. Il paziente dovrebbe dunque essere seguito da più figure specialistiche. Lo ha ribadito una revisione pubblicata sull’ultimo numero della rivista Journal of Occupational & Environmental Medicine. Sono stati 37 i trial clinici analizzati; questi studi sono accomunati dall’aver adottato un approccio multidisciplinare alla depressione e in particolar modo alle cure primarie per questo tipo di disturbo.

Le depressioni

Prima di tutto bisogna aver chiaro che non si deve parlare di depressione ma di depressioni, al plurale, che sono patologie complesse e comuni. Come tali le depressioni si manifestano spesso in soggetti con disturbi cronici o, per esempio, affetti da tumore. In questo caso riuscire a distinguere la depressione dal resto del quadro clinico può diventare difficile, soprattutto se il paziente ha di fronte una sola figura specialistica. Per questo motivo, secondo quanto emerge dalla revisione, occorre un team composto da più esperti.

Nei casi in cui è stato adottato questo tipo di approccio globale al paziente l’aderenza alla cura per la depressione è aumentata da due e cinque volte. Il successo nella sconfitta del disturbo depressivo è stato valutato in termini di soddisfazione del paziente, di miglioramento del rapporto con il medico, di soddisfazione degli stessi medici nell’aver operato di concerto e nell’aver messo nuovamente al centro il paziente.

di Emanuela Grasso

da: http://www.pensiero.it

Commento del Dott. Zambello,

  • L’articolo conferma quello che sostengo da anni: la depressione ha bisogno di un approccio multidisciplinare. Molto spesso il medico capisce che è una lotta dura,  simile alla lotta  tra Eros e Thanatos di Freud ma, sa che è possibile vincere e guarire. Perché ciò succeda bisogna  che  il paziente lo chieda e vi sia  sinergia tra i vari interventi terapeutici.   Se avviene ciò,  l’uscita dal tunnel è sempre possibile.

Video: Depressione e Psicoterapia di Renzo Zambello

http://youtu.be/nRbevPsh5_I

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *