Che cos’è la nevrosi, sono nevrotico? E’ una energia vitale

Nevrosi

Che cos’è una  nevrosi, sono nevrotico?

Mi capita spesso durante il lavoro terapeutico che  il paziente mi chieda con un certo timore: Dottore, che cos’è una nevrosi,  ma io sono un  nevrotico? Che tipo di nevrosi ho? Posso guarire? E’ proprio sul significato che  do a quella parola  nevrosi  e,  al conseguente comportamento clinico,  che  si delinea la differenza  fra me  junghiano e un freudiano. Cerchiamo anzitutto di capire cosa dice la letteratura  sulla definizione  di nevrosi.

Definizione di nevrosi
  • Disturbo psichico più o meno grave che si manifesta con sintomi di vario genere (ansia, ossessioni, paralisi momentanee di uno o più arti ecc.) Da: il Dizionario della Lingua Italiana di Sabatini Coletti.

Però,

  1. Nel (DSM-IV) del 1994 ( manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali) il termine nevrosi non trova più un unico corrispettivo,  soprattutto sul piano  clinico e hanno preferito elencare delle sottocategorie secondo i sintomi definendole come ‘reazioni acute allo stress o all’adattamento’. Di fatto sono stati introdotti tutta una nuova serie di quadri clinici che sono: fobie, disturbo di panico, disturbo d’ansia generalizzato, disturbo ossessivo-compulsivo, disturbo post-traumatico da stress e disturbo acuto da stress.
  1. Freud,  in due articoli del 1923 ( nevrosi e psicosi) precisava le affinità e le differenze fra due disagi psichici. Egli definiva: La nevrosi come il risultato del conflitto  fra l’Io e l’inconscio. Mentre la psicosi era il risultato analogo di un equivalente disturbo nelle relazioni fra l’Io e il mondo esterno. Per Freud e poi anche per Jung, le differenze fra nevrosi e psicosi sono fondamentali. Infatti nelle psicosi non vi è consapevolezza e riconoscimento della realtà esterna all’Io.   L’Io, nel caso delle psicosi,  si può sentire minacciato, in pericolo e spesso, per evitare una conseguente angoscia può scegliere la via della frammentazione o della scissione. E’ questa la ragione che porta il paziente ad esprimere comportamenti stravaganti, bizzarri, apparentemente incoerenti, folli o perversi.
  2. Secondo Freud quindi, la nevrosi consiste in dinamiche all’interno del Sé,  dove il tentativi di reazione e di difesa dell’ Io hanno fallito nel loro obiettivo di allontanare definitivamente dalla coscienza pensieri disturbanti. Per Freud, ogni nevrosi altera, limita la libertà e le potenzialità dell’Io. Compito della psicoterapia è eliminare quanto più possibile l’interferenza del pensiero nevrotico.

 

E’  proprio  questo concetto di nevrosi che Jung ribalta totalmente  modificando  anche il significato clinico del disagio nevrotico. Per lui la nevrosi non è il sintomo da curare  ma, la strada da seguire. La nevrosi non è un disturbo ma la via per la nostra individuazione.

Scrivono infatti M. Pignatelli e L. R. Baldaccini in  la tecnica junghiana ( Trattato di psicologia analitica. Di  A. Carotenuto): La nevrosi non la si può intendere sempre ed esclusivamente come una malattia da eliminare, ma anche come  un’espressione di ‘quell’altro’ che noi siamo e che, a suo parere, la tecnica scalzante e svalutativa della psicoanalisi (freudiana) tenderebbe a paralizzare per sempre.

Per Jung, lo scopo della psicoterapia non è quello interpretativo-riduttivo che si fonda sul sospetto che nessuno è padrone a casa propria,  come diceva Freud ma,    sulla convinzione di una immensa e diversa ricchezza presente in ognuno di noi che deve crescere, palesarsi, differenziarsi, anche con dolore, alias, con la nevrosi,   dove l’analista può solo, ascoltare e permettere l’espletamento di ciò che è in potenza. Tenere cioè un atteggiamento  maieutico.

Il dolore psicologico:   che  facciamo in terapia?

Lo leggiamo, cerchiamo di capirlo, interpretarlo. Il dolore è il  faro che ci indica con chiarezza la strada. Quante volte, anche nella mia esperienza clinica ho sentito pazienti dire: meno male che mi sono venuti gli attacchi di panico, da allora mi sino riappropriato della mia vita. Anche in situazioni più drammatiche, ex infatuati che dichiarano di aver cominciato a vivere dopo l’infarto.

Ma,  il dolore non è solo sintomo è anche croce ,  fatica a vivere. Per alcuni il dolore è la fatica di prendere contatto con parti di sé ed  è così acuto da sembrare una condanna, una ingiustizia  che può pesere per  tutta vita.

Ci auguriamo di poter dire come San Paolo alla fine della sua vita: Ho combattuto la buona battaglia, ho terminato la mia corsa….Ora mi resta solo la corona di giustizia. 2 Tim. 4, 6-8.  

Anche lui  faceva i conti con una  vita che potremmo definire nevrotica.  Scriveva infatti  in 2Corinzi 11  che aveva chiesto a Dio di liberarlo dalle sue nevrosi: ….. mi è stata messa una spina nella carne, un angelo di Satana, per schiaffeggiarmi affinché io non insuperbisca.  Tre volte ho pregato il Signore perché l’allontanasse da me;  ed egli mi ha detto: La mia grazia ti basta, perché la mia potenza si dimostra perfetta nella debolezza’. Perciò molto volentieri mi vanterò  delle mie debolezze….

Tornando quindi alla domanda iniziale dei miei pazienti:  ….ma dottore che cos’è la nevrosi,  io sono nevrotico?

La mia risposte è sempre la stessa:  lo spero.

Di Renzo Zambello

http://www.nienteansia.it/disturbi-ansia/

Di Renzo Zambello il libro: “Ricordi e riflessioni di uno psicoanalista”  ed. Kimerik

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *