FIGLIO OMOSESSUALE, NON DOVREBBE ESSERE UNA TRAGEDIA

FIGLIO OMOSESSUALE

FIGLIO OMOSESSUALE

La famiglia diventa consapevole del  figlio  omosessuale

La maggior parte dei genitori reagisce con amore nei confronti della figlia o figlio omosessuale . E’ quanto emerge da uno studio condotto su circa 200 famiglie da due ricercatrici dell’Università’ del Piemonte orientale, Chiara Bertone e Marina Franchi, che é stato  presentato a Firenze il 20 e 21 giugno scorsi, nel corso della conferenza internazionale ”Family matters. Sostenere le famiglie per prevenire la violenza contro giovani gay e lesbiche’, organizzata da un gruppo di associazioni tra cui l’Agedo (Associazione genitori di omosessuali), con il sostegno della Regione TosI.

Figlio omosessuale: comportamenti, statistiche.

Al questionario hanno risposto 119 madri e 53 padri. Le interviste sono state realizzate anche con fratelli e sorelle.

Nel 64% dei casi la scoperta e’ avvenuta in modo diretto, con un esplicito coming out del figlio/a. Negli altri casi, lo si e’ saputo da un’altra persona, lo si e’ scoperto leggendo il diario del figlio, trovando una lettera o del materiale sull’ omosessualità’. Centrale la figura della madre, che spesso e’ stata la prima tra i familiari ad averlo saputo, ed ha avuto poi un ruolo di mediazione nel rapporto con il padre. Un ruolo importante lo giocano anche fratelli e sorelle, che in molti casi sanno prima dei genitori, ed esprimono complicità’ e condivisione.

Figlio omosessuale, sorpresa nella famiglia

Per molti genitori (53% dei padri e 44% delle madri) la scoperta arriva inaspettata. Negli altri casi, raccontano di aver gia’ avuto dei sospetti. La prima reazione alla scoperta e’ di smarrimento, paura, dolore. Ma solo una minima percentuale confessa di aver avuto reazioni violente: tre madri hanno dato uno schiaffo, altre due hanno cacciato il figlio di casa. Un padre ha detto al figlio maschio: ”Non sei piu’ mio figlio”;.

Due madri hanno definito il figlio omosessuale un  ”pervertito”.

Qualcuno ha avuto una reazione ricattatoria: ”Perche’ mi dai questo dolore’?”, altri hanno ritenuto che il figlio/a fossa stato ”traviato” da qualcuno. Quasi tutti, comunque (161 su 168) rifiutano il concetto di omosessualita’ come malattia.

Dopo la crisi, la forte emozione della scoperta, a prevalere sono comunque sentimenti di amore incondizionato, solidarieta’, protezione, talvolta complicita’. Il legame col figlio omosessuale  non viene mai messo in discussione, non viene spezzato dalla scoperta della sua omosessualita’. Le frasi in cui la maggioranza dei genitori si riconoscono sono ”l’importante e’ che tu sia felice” (88%), e ”mi dispiace non esserti stato vicino quando ne avevi bisogno” (69%).

Importanza della ricerca

”Per qualita’, dimensione europea, argomenti trattati e campo di indagine – dice Agostino Fragai, assessore alle riforme istituzionali e alla partecipazione della Regione Toscana – questa ricerca contribuira’ non poco ad una maggiore conoscenza, anche per le istituzioni, dei problemi connessi con l’accettazione dell’omosessualita’. L’impegno a costruire un contesto sociale rispettoso di ogni orientamento sessuale e’ presente nell’azione della Regione Toscana, la quale, peraltro, dispone di una legge specifica la cui attuazione e’ affidata a una task force”.

da: http://www.asca.it

Commento del Dott. Zambello

Avevamo pubblicato  un po’ di tempo fa, lo studio fatto dall’Università del Piemonte,  ora la politica, ameno una parte,  se ne fa carico. Mi sembra una buona notizia. A proposito del figlio omosessuale, ho avuto diversi casi di genitori che per dire un eufemismo,  non l’hanno presa bene. Una volta un padre ha urlato in studio, col figlio presente: vorrei avere un figlio col cancro piuttosto che un figlio omosessuale. E’ fin troppo evidente che chi aveva bisogno di aiuto era il padre, però, quanto dolore e non solo per il figlio omosessuale ma anche per lui,  padre incapace ad esserlo. Su questo tema del figlio omosessuale e il padre vi suggerisco il film “Mine vaganti” di  Ferzan Özpetek.

Video:  Omosessualità

Del Dott. Renzo Zambello il libro: ” ICORDI E RIFLESSIONI DI UNO PSICOANALISTA”.  Ed. Kimerik

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *