Ho paura delle malattie, provo ansia. Cosa posso fare?

 

Paura delle malattie

Paura delle malattie

 

Ho paura delle malattie, provo ansia. Cosa posso fare?

Ho paura delle malattie. Sempre più spesso il terapeuta si trova davanti a  pazienti in preda ad ansia da paura delle malattie che stanno solo nella loro testa. E’ un problema grosso, sia personale che sociale. Riporto domanda e risposta da un prestigioso forum medico su questo spinoso tema della paura delle malattie.

Domanda dal Forum.

Sono 4 mesi circa che soffro di ansia e stress causati dalla paura delle  malattie. A volte temo di essermi contagiata, a volte di avere un male incurabile o di essere affetta da una malattia degenerativa. Purtroppo      penso a queste possibilità quasi 24 ore su 24. Ho effettuato analisi di laboratorio ed esposto le mie paure ad un immunulogo, ad un infettivologo e a 2 medici di base. L’immunologo mi ha congedato con un certificato che richiedeva urgentemente di una psicoterapia e così ha fatto l’immunologo. Il medico di base ha concordato, prescrivendomi per il momento lo Xanax, che avevo già preso circa 18 anni fa.

Evoluzione della paura

Dopo i primi giorni di assunzione però avverto una sensazione che non saprei ben definire ma comunque riconducibile o ad una debolezza degli arti inferiori oppure ad una irrequietezza o tremore degli stessi. fatico ad andare a lavorare.  La mia ansia è solo il prodotto della mia paura per le malattie o ha un’altra origine?

Risposta dal Forum

Gentile utente, ritengo di poter affermare con la dovuta sicurezza la necessità di una psicoterapia. Cerchi uno psicoterapeuta nella sua zona, si rimbocchi le maniche di pazienza e collaborazione. Vedrà che i risultati arriveranno assieme ad una maggiore serenità.

Saluti Dr. Delogu

da:  http://espertorisponde.paginemediche.it

Commento del Dott. Zambello

La nevrosi  ipocondriaca  o una ingiustificata ansia per la paura delle malattie,  è una delle sofferenze, disagi psicologici, più devastanti che una persona possa provare.  E’ chiaro che anche in questi casi ciò che fa la differenza,  é quanto la nevrosi invalida la vita normale, quotidiana del paziente. Nel caso sopra riportato era, per il momento, rimasta sufficientemente libera la vita lavorativa ma, per quanto? L’ipocondria o paura per le malattie se non viene curata in tempo  è come una macchia che piano, piano si estende pervadendo tutto l’Io.

Un caso clinico.

Ricordo diversi pazienti ma una in particolare  andava al mattino da uno specialista, al pomeriggio a farsi un esame clinico, quasi sempre invasivo, gastroscopia, endoscopia, biopsia etc e ripartiva il giorno successivo come fosse la prima volta. Un vero inferno. Un altro che passava almeno 20, 25 notti su un mese in Pronto Soccorso. Mi si dirà che questi sono casi limite, si ma, il settanta per cento,  delle persone che  affollano tutti i giorni le sale di attesa del medico curante, hanno una base ipocondriaca. Sono pazienti che  soffrono nevroticamente della paura delle malattie.

L’ipocondriaco, vive non solo con la paura di essere ammalato, ma da ammalato.

Di Renzo Zambello il libro  ” Ricordi e riflessioni di uno psicoanalista “   Ed.  KimerikStare con il paziente

 

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *