Sterilità: Teresa faceva morire anche le piante.

Sterilità

Sterilità

La sterilità molto spesso non è organica

Sterilità psicogena:  un caso clinico.Nella mia esperienza di medico psicoterapeuta, mi è capitato tantissime volte di incontrare pazienti psicosomatici. Questi, consapevoli del loro disagio, chiedono aiuto allo psicoterapeuta, ma la psicoterapia può fare poco se non leggere questi disagi come dei sintomi. Ma, scriveva Jung che spesso è l’inconscio, liberato dalle difese ad operare in maniera mitopoietica, cioè cura se stesso.

Il caso di Teresa è emblematico di questi meccanismi.

Teresa era una donna di 32 anni quando mi chiese una psicoterapia, circa una decina di anni fa. Si presentò al primo appuntamento con un ritardo di 10 minuti. Arrivò tutta rossa in faccia, ansimante, sembrava aver corso.

Teresa: “Mi scusi, mi scusi, i mezzi sono sempre in ritardo.”

Io: “Lei è in ritardo.”

Teresa: “No, no, sono uscita in tempo, ma poi i mezzi ritardano sempre.”

Io: “Allora non è uscita in tempo.”

Teresa spalancò gli occhi come per dirmi: Non hai ancora capito!? Io ero in orario, i mezzi erano in ritardo.

Io: “Ma lei sapeva che i mezzi sono sempre in ritardo… me lo ha detto lei”

Teresa abbassò la testa e mi guardò con sfida e disse: “…e adesso che facciamo?”

Io: “Abbiamo ancora 35 minuti, mi racconti quello che vuole”

Teresa: “Non lo so, lei mi ha confusa.”

Io: “L’ho confusa? O le è venuta rabbia?”

Teresa: “Rabbia? Mi dica cosa le devo dire”

Io: “Quello che vuole…perché è qua?”

Teresa: “Non lo so…si lo so…aspetti un attimo che mi riprendo”

Mi raccontò che è sposata da 12 anni, non ha figli e da sempre soffre di ansia. Lavora saltuariamente perché, a suo dire, dopo sei sette mesi o la mandano via o si licenzia lei.

Teresa: “Sa, all’inizio ci vado con entusiasmo, poi incomincio a stancarmi e a far disastri fin tanto che devo andarmene.”

Io: “Mi sta dicendo che il lavoro tra me e lei durerà al massimo sei, sette mesi?”

Teresa: “No. Le ho detto che i miei lavori durano al massimo sei, sette mesi……cioè lei dice che anche tra me e lei…?

Verificare la possibilità di lavorare assieme.

Io: “Penso che possiamo verificare se è possibile lavorare assieme. Ci vedremo, se lei è d’accordo, tre volte e poi decideremo.”

Teresa, dopo aver annuito con la testa, si alzò di scatto e, sulla porta, si girò e mi disse: “ Lei pensa sia importante il fatto che sono sposata da un sacco di tempo e mi abbiano detto che non potrò avere figli?”

Io: “Non lo so, ne parliamo la prossima volta:”

Ritornò all’appuntamento fissato dopo sette giorni, arrivò sempre più rossa in faccia e mi disse: “Guardi, non mi dica che è colpa mia se sono un po’ in ritardo anche oggi. Sono partita anche prima del solito, ma poi il bus ha avuto un incidente. Silenzio. Le dicevo l’altra volta che non potrò avere bambini.”

Io: “A lei dispiace?”

Teresa: “Eh sì, molto.. anche se ormai mi sono abituata all’idea.”

Io: “Sta dicendo che ora non li vorrebbe più?”

Teresa: “No, no. Se vengono bene. Ma cosa vuole ormai mi sono abituata all’idea, Faccio un sacco di cose, vivo quasi sempre fuori casa, tanto è vero che mi muoiono anche le piante.

Io: “Cioè?”

Teresa: “Sì, sì. Io non ho voglia. Mi dimentico. Ho lasciato andare via perfino l’uccellino che avevo in gabbia.”

Io: “Cosa ha fatto?”

Teresa: “ Si, avevamo un uccellino che tenevamo in gabbietta  ma, spesso mi dimenticavo di curarlo e così,  l’altra settimana ho aperto la finestra e l’ho lasciato andare.”

Io: “L’ha ucciso.”

Teresa: “Ma no, non credo… lei dice? L’avevo pensato anch’ io…. ma no sta meglio libero?”

Terza seduta.

Alla terza seduta decidemmo di iniziare a lavorare assieme. Il contratto prevedeva due incontri alla settimana . Chiaramente la maternità non faceva parte del nostro contratto, né lei me lo chiese.

Lavorammo per quasi tre anni. Dopo alcuni mesi, Teresa cominciò ad arrivare puntuale. Fu capace di affrontare il problema della sua aggressività che nascondeva meccanismi onnipotenti di tipo narcisistico. Mentre si riducevano queste difese, Teresa diventava sempre più triste. Passò un periodo di profonda depressione. Viveva nella tristezza da dove non riusciva ad uscire, e io  mi accontentavo a far sentire la mia voce.

Per mesi mi comunicò un dolore cupo e profondo. Un dolore di morte.

La rinascita

Un giorno arrivò vestita che sembrava una modella, e sorridente mi raccontò che aveva prenotato col marito una vacanza al mare.

Era uscita dal suo mondo mortifero.

Iniziò un periodo di grande attività fisica e intellettuale. Mi informava di tutti i film nuovi in programma e di come stava cambiando casa sua.

Teresa: “ Ho comprato la cucina nuova…. sa che casa mia è piena di piante?

Io: “Ha riempito la casa  di piante?”

Teresa: “Si, non muoiono più… anzi, sono bellissime.”

Capii qualcosa che non dissi a Teresa.

Un giorno arrivando vidi che mi aspettava davanti allo studio.

Teresa: “Dottore, devo dirle una cosa straordinaria!”

Io: “Ora? Me la dica dopo.”

La maternità

Come entrò in studio, ancora con la mano sulla porta: “Sono incinta dottore… sono incinta.”

Teresa portò a termine la gravidanza. Ci vedemmo fino ad alcuni mesi dopo il parto di Daniele. Era una mamma dolce e attenta.

Due anni dopo mi mandò un biglietto: “Daniele ha una sorella: Lucia. Sono Felice.”

Considerazioni

Teresa mi insegnò come alcuni meccanismi primari, antichi, come la sua aggressività possano in maniera del tutto inconsapevole essere somatizzati. Uccideva ogni possibilità di vita dentro di sé.

D’altra parte fu per me straordinario accorgermi di come questi stessi meccanismi, così antichi nella nostra evoluzione umana e personale, siano fortemente legati alla natura.

Teresa che  uccideva le piante e l’uccellino, poi generò due figli. Come fu possibile tutto questo?

E’ ancora Jung che lo spiega teorizzando la presenza dentro di noi di un Inconscio Collettivo, noi e la natura non siamo separati né separabili.

di:  Renzo Zambello

Articolo pubblicato anche su:

www.psicolab.net 

www.ilmiopsicologo.it 

Del Dott. Renzo Zambello il libro: “Ricordi e Riflessioni di uno Psicoanalista” . Ed. Kimerik.

 

Un Commento

  1. valentina 2 Febbraio 2012

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *