Narciso, racconta il suo dolore

Il dolore del narciso

Narciso

Essere un  narciso: epidemia del nostro secolo.

Narciso, colui che continuamente ripete il suo dolore. In ogni epoca la società ha fatto i conti con  epidemie che hanno devastato la popolazione e messo in crisi l’economia e il sistema sociale.  Fra queste,   il  vaiolo nel secondo secolo d.C.  la peste bubbonica nel ‘500,    nel 1300 la peste nera  poi,  nel 1800 il colera. Oggi:  il narcisismo.

Esagerato?!  Si,  ma non troppo. Sostengo  la possibilità di definire il narcisismo  come una pandemia, specialmente   nella modalità di trasmissione e nelle dinamiche di contagio, ma su questo tornerò dopo.   Quanto  ai danni personali,  beh! basta conoscere qualche narciso  per concordare che a quantità di sofferenza, il poveretto non è invidiabile da nessuno.

Quando parlo di narcisismo  mi riferisco a quello che gli psicoanalisti definiscono come narcisismo patologico. Vedremo infatti che i meccanismi narcisistici sono  una dimensione  normale,  direi obbligata e continua della nostra mente. Un po’ come il colesterolo per il corpo, con troppo si muore ma non c’è vita senza di esso. Quindi, da questo momento, quando faccio riferimento al narcisismo, intendo il narcisismo patologico, quello mortifero.

Chi è il narcisista patologico? Certamente non  la persona  sicura di sé  e che ostenta le proprie possibilità materiali o intellettuali facendo lo  sbruffone,   che  “ se la mena un po’ ”, come dicono i ragazzi.  Il narcisista   ha un Io debole e fragile ed è continuamente in preda all’ansia. Il  problema infatti sta qui.  Nessuno si può concedere di vivere con un Io fragile, con un senso di “vuoto dentro”. Sarebbe come andare in giro “senza pelle”.  Così l’Io sofferente è obbligato ad  escogitare sistemi di difesa che gli permettono di resistere ma che successivamente, potrebbero ucciderlo. Uno dei sistemi più usati, ad esempio  è quello di immaginarsi,  di sognare di diventare un grande, un famoso,  un potente e avere successo. Anche se il narciso non sa che qualsiasi cosa raggiunga, finanche  diventare Presidente del Consiglio,   non gli servirebbe per  sedare  la sua ansia. Il narciso si concede fantasie megalomaniache senza ritegno.  Ad un minus come si sente,  reagisce con pensieri e progetti grandissimi.  Un mio  paziente,  se pur dotato di  una intelligenza superiore, coltivava in sé la fantasia che prima o poi sarebbe diventato Papa.  Si, Papa, senza accento.  Era pazzo? No, cercava disperatamente di coltivare fantasie onnipotenti per far fronte ad un “Io vuoto”.  Immaginatevi la frustrazione di questo poveretto  in un periodo in cui i papi si moltiplicavano e lui non veniva chiamato da nessuno.

Il mito di Narciso.

Per capire come ciò funziona bisogna rifarsi al mito di Narciso così come ce l’ha descritto Ovidio  fin dall’antichità.

Ci dice Ovidio che Narciso, ragazzo bellissimo, desiderato da tutti,  non si percepisce, non si conosce, diremo noi oggi  ha un  Io debole, anzi,  é così fragile che spinto dall’ansia se ne va da casa alla ricerca di se stesso. La madre che forse non é esente da colpe per lo stato psichico di Narciso, interviene e pasticcia ulteriormente la situazione del povero ragazzo così da provocare  l’invidia e la maledizione degli dei. Risultato:  Narciso  vaga nella foresta finché non vede uno che le appare bellissimo e se ne innamora. Peccato che sia  la sua immagine. Il poveretto  si innamora di se stesso.. E’ la fregatura ultima, non riuscirà più a staccarsi da quel meccanismo mortifero. Morale: il narcisismo è la morte psichica.

Il narcisismo è un dolore, atroce. Dolore di non sentirsi, di essere nudi, senza pelle,  di non avere scelte, chiuso in una trappola, in una camera di specchi, vuota.

La clinica oggi, a distanza di millenni da Ovidio, constata ancora la malattia, ne registra la diffusione ma soprattutto ne ha spiegato alcune dinamiche. Ad esempio sappiamo che il senso di Sé, l’Io, non è un processo che avviene automaticamente,  ma è la risultanza  del rapporto tra madre e figlio  nei primissimi mesi di vita. E’ la madre che riconoscendo il figlio come essere staccato da se stessa permette allo stesso “di sentirsi”. Come dice la Klein,  il bambino si riconosce negli occhi della madre. Ma, è lo svezzamento il grande momento in cui si giocano le carte che possono condannare o salvare il bambino: o i due sono capaci di “staccarsi”  o resteranno “uniti per l’eternità” con la conseguenza che si  è creato “un uno” fuso è confuso, una monade,   dove  il bambino non saprà mai chi lui è veramente.

Ovidio ci ha spiegato che poco importa che poi il giovane  vada in giro, si allontani dalla madre.  Ormai la maledizione l’ha  segnato. Sono persone condannate a cercare, costruire, fare le cose più incredibili,  a volte con  sforzi ed atti di apparente grande generosità ma che non lasciano in loro niente.  Se sono persone in possesso di una buona intelligenza,  spesso ottengono risultati sociali e interpersonali importanti ma  a loro non importa, sono sempre vuoti, nulla li sazierà mai. Non ci sono risultati professionali, amori, soldi che possano colmare “quel buco nero” che è dentro di loro. Sembra proprio la maledizione di un dio invidioso. Queste persone, come Narciso, non si innamorano di cose reali, di oggetti che stanno fuori di sé ma di loro proiezioni.  Amano negli altri quello che non riconoscono in se stessi. Gli altri non sono altro che proiezioni di sé che  inevitabilmente  deludono e tradiscono.

Il dolore del narciso.

Il dolore che prova il narciso è straziante. In preda ad un’ansia continua, sempre sul punto di implodere con la paura continua di morire nel senso  di non esistere, egli è continuamente costretto a cercare, a fare, ad investire, a sedurre, a costruire,  a sognare e poi, a verificare il fallimento. E,  per non morire, ripartire subito.

Sostenevo all’inizio che questa sofferenza della  personalità segue una psicopatologia che richiama le epidemie. Infatti queste,  perché si sviluppino,  hanno bisogno di due situazioni sinergiche: l’agente patogeno e l’ambiente che favorisce la trasmissione. Abbiamo già detto di come la non separazione tra madre-figlio sia l’eziologia della sofferenza narcisistica ma, l’ambiente che permette lo sviluppo dell’epidemia  è il padre, o meglio  la mancanza del ruolo paterno.  Recalcati parla dell’evaporazione del padre e dello smembramento della famiglia. Fino a qualche generazione fa era il padre che assumeva in sé il ruolo di capo-famiglia a cui sottostava ogni membro.  Il figlio ad un certo punto smetteva comunque di essere della madre e diventava parte della famiglia con un ruolo sul quale si poteva  discutere ma che  rompeva la  diade madre-figlio.  Quando poi, il figlio  cresceva,  imparava a riconoscere l’autorità degli insegnanti e poi delle istituzioni. C’erano sempre,  ovunque,  delle figure che venivano riconosciute come  paterne. Improvvisamente sono sparite, evaporate come dice Recalcati. Non c’è più il padre.  E’ venuto a mancare quella capacità, quella possibilità di contenimento dell’Io fisiologicamente onnipotente del bambino,  di essere contenuto, naturalmente frustrato,  per permettergli  come dice Freud,  di costruire  la  sua pelle. Freud ci ha spiegato che è il super-Io, l’autorità, la legge, che  gli permette di costruire il suo Io. Ma,  in una società dove gli ideali sono crollati come il “muro”, dove la scuola non riesce più ad essere autorevole e l’autorità del padre è sempre più incerta,  rimane solo la madre che spesso,  purtroppo,  si rapporta con meccanismi primari.

La prossima volta continueremo ad analizzare qual è il ruolo della società e quali sono le possibilità terapeutiche.

di Renzo Zambello

Video correlati:

http://youtu.be/Sbh4vt3fy9w

http://youtu.be/OtQ9CNkZ0YM

12 Commenti

  1. V Lo Scalzo 14 maggio 2014
  2. Paola 19 giugno 2015
    • Dr. Zambello 19 giugno 2015
  3. Asia80 9 novembre 2015
    • Dr. Zambello 10 novembre 2015
  4. Asia80 10 novembre 2015
    • Dr. Zambello 11 novembre 2015
  5. Asia80 12 novembre 2015
  6. Giuseppe89 18 febbraio 2017
    • Dr. Zambello 19 febbraio 2017
  7. Sara 26 marzo 2017
    • Dr. Zambello 27 marzo 2017

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *