Sintomi degli attacchi di panico, quali cure possibili?

sintomi degli attacchi di panico

sintomi degli attacchi di panico

Sintomi degli attacchi di panico

Sintomi degli attacchi di panico, quali sono?

I sintomi degli attacchi di panico e la loro cura, sono clinicamente tra i  più studiati. Forse lo sono tanto quanto l’isteria alla fine dell’ottocento. Forse non a caso,  ho  spesso la conferma clinica che le dinamiche psicologiche sottostanti non sono poi così diverse.

I sintomi

I sintomi degli attacchi di panico sono:  un improvviso scatenamento di ansia. Questa  sopraggiunge apparentemente senza alcuna prevedibilità e  senza alcuna possibilità di controllo da parte del soggetto colpito. Si conoscono ad esempio,  attacchi di panico notturni che si scatenano durante il sonno,  apparentemente senza alcuna causa.

Il soggetto è in preda ad un terremoto psichico e fisico. I sintomi sono:  ansia, palpitazioni, tachicardia, tremori, vertigini, sudorazione, diarrea, senso di soffocamento  e timore di esserne sopraffatto, morire. Poi, quando tutto questo passerà,  lascerà dietro di sé un lungo e profondo senso di sfinimento.

Fisiologia degli attacchi di panico

Oggi sappiamo come i sintomi degli attacchi di panico  si scatenano  da un punto di vista neurobiologico. Si è  scoperto che vi sono due circuiti anatomici della paura, dell’ ansia. Il primo,  più primitivo  ha sede nella profondità del cervello, nella struttura del sistema limbico.  Questo  attiva reazioni ormonali e neurovegetative che non sono direttamente connesse con la corteccia,  quindi automatiche e irrazionali.  Vi è poi un ulteriore circuito, circuito riflessivo corticale, caratterizzato dalla auto consapevolezza di provare  paura e ansia. Si attiva  nel  tentativo di dare una ragione a questa a un evento che però razionalmente non ha alcuna ragione.

I comportamenti evitanti sono tra i sintomi degli attacchi di panico i più pericolosi

Tutti i pazienti che abbiano sofferto di sintomi degli attacchi di panico sono consapevoli che il problema più grande che dovranno affrontare dopo l’attacco  è la memoria di quanto è accaduto. Il paziente tenderà ad avere   comportamenti evitanti. Egli tenderà a limitare lo spazio fisico e mentale per la paura, ansia di   ripetere la drammatica esperienza degli attacchi di panico.

Curare solo i sintomi degli attacchi di panico?

Sono almeno tre le categorie di terapie o cure degli attacchi di panico.

Le cure più a valle, quelle che controllano i sintomi. Questi sono l’ansia, la paura e la risposta neurovegetativa, sono gli antidepressivi, i psicofarmaci, i tranquillanti e gli ansiolitici.

C’è poi un livello  intermedio, la terapia   agisce sulla memoria traumatica. E’ la psicoterapia cognitiva comportamentale.  Questa aiuta il paziente a costruire i nessi associativi e le immagini visive o mnestiche che formano il grumo catastrofico aiutandolo a elaborarlo e a superarlo.

Ed  in fine,  il livello che come psicoanalisti ci interessa ed è connesso con la personalità del paziente, alle sue esperienze infantili e   difese psichiche . Lo psicoanalista crede che la complessa configurazione psicodinamica sia la vera causa del sintomo. Il sintomo rivela la configurazione, la strutturazione della psiche direbbe Jung. Per lo psicoanalista gli attacchi di panico sono un sintomo. Sono un’occasione di individuazione secondo Jung,  non ce la malattia.

Attacchi di panico e il corpo

Gli attacchi di panico  si esprimono attraverso il corpo, sul corpo ma sono una patologia della psiche, dell’anima. Diceva Freud (1920). Gli attacchi di panico sono espressione di sofferenza del sé e ci raccontano che la membrana protettiva della mente si è lacerata.

Dice Franco De Masi (2004) che la psicoterapia cognitivo comportamentale  ha lo scopo di correggere la distorsione percettiva, cioè l’alterazione della realtà.  E’ la distorsione percettiva infatti   che genera paura e ansia.   La terapia psicoanalitica invece,  considera gli attacchi di panico una conseguenza del disturbo dell’identità personale. Se così è. gli attacchi di panico sono allora una grande occasione per cercare la propria strada verso l’individuazione.

Di Renzo Zambello

Di Renzo Zambello il libro: “Ricordi e riflessioni di uno psicoanalista”. Edizioni Kimerik.

Ricordi e riflessioni di uno psicoanalista.

 http://www.disturbodipanico.com

Dr. Zambello

www.zambellorenzo.it

Medico Psicoterapeuta Psicoanalista Junghiano di Novara

5 commenti su “Sintomi degli attacchi di panico, quali cure possibili?

  1. Mi piacerebbe aggiungere questo: “Dove c’è panico, lì c’è anche Pan…” – dice J. Hillman.
    Il dio della natura; dal piede caprino e fornito di corna, abitatore delle grotte e delle selve impervie dell’antica Grecia, sorprende uomini e animali di un sacro terrore che ne sconvolge le membra e ne ottenebra le menti. “Se Pan è il dio della natura ‘dentro di noi’ allora egli è il nostro istinto […] La figura di Pan rappresenta la coazione istintuale e nel contempo offre il mezzo mediante il quale la coazione può essere modificata attraverso l’immaginazione … Quando l’anima è presa dal panico, Pan si rivela con la saggezza della natura. Essere senza paura, privi di angosce, invulnerabili al panico, significherebbe perdita dell’istinto, perdita di connessione con Pan… Se dunque in questa lettura archetipica il dio-capro rappresenta l’ambivalenza dell’istinto e il suo potenziale destabilizzante per la mente umana, esso esprime anche quella saggezza del corpo che è in connessione col divino e che ne esprime le imperscrutabili geometrie.
    Per Hillman l’angoscia è il modo di entrare in contatto con le forze achetipiche. Hillman considera l’angoscia «la via regia per smantellare le difese paranoiche, che sono tanto più forti quanto più ci si difende dal panico istintuale. L’angoscia allora non è più solo un meccanismo psicologico di difesa o una reazione inadeguata a una sensazione di pericolo, ma ciò che ci mette in contatto con «le regioni dell’esistenza elementare, con l’animalità inquietante che ci abita»
    Jung: “Nella nostra epoca gli Dei sono diventati “malattie”; infatti abbiamo cacciato Pan dai boschi, ma non ci siamo sbarazzati della sua eredità terrificante che continua a vivere nella parola “panico” con tutti i suoi sintomi”.

  2. Articolo interessante. Personalmente ritengo che l’attacco di panico sia un’avvertenza corporea di un disagio emotivo e/o cognitivo che sfugge alla consapevolezza del paziente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *